prodotti-pastificio-fiorentino

Pastificio Fiorentino - Az. Agr. BIO Floriddia C.

% B% d,% Y

NOME AZIENDA: AZ. AGRICOLA BIO FLORIDDIA C.

NOME E COGNOME DEL TITOLARE/I: CARMELO FLORIDDIA

ANNO FONDAZIONE: 2002

DOVE: Castelfiorentino (FI)

 

LA  PROTEINA BELLA E BUONA

La ragione non ha luogo contro la passione , F.Petrarca

Carmelo Floridda, ingegnere nella sua vita precendente, sceglie questa frase del Petrarca per raccontarci della sua passione per il lavoro agricolo, che riprende dalle origini della sua famiglia (la società del nonno risale al 1951)  per portare sulle tavole dei clienti cibo buono, bello e salutare.

La coltivazione dei legumi si radica nella tradizione toscana, di cui l’azienda Floridda si fa testimone virtuoso con tecniche di coltivazione che vanno oltre il biologico e sfruttano le naturali caratteristiche delle leguminose, con rotazioni agricole che permettono l’abbandono di concimazioni e una selezione ove possibile di colture che abbiano minori necessità idriche.

La base ideale di sostenibilità dell’azienda sta dentro la scelta del suo core business: la cosiddetta carne dei poveri è riconosciuta come fonte sostenibile di proteine e micronutrinenti vitali per l’uomo, tanto da essere incoraggiata e sostenuta dallle Agenzie Internazionali in tema di alimentazione.

Floridda propone il consumo dei legumi in chiave moderna, adattandolo ai ritmi della vita contemporanea. Porta sulla tavola un prodotto di alta qualità senza compromessi, con principi nutrizionali elevati, in una forma che ne permetta di esprimere al meglio tutte le caratteristiche e facile da consumare.

Anche il logo dell’azienda esprime l’accoglienza di quanto la natura spontaneamente regala: il giaggiolo fiorentino apparso tra le colture di ceci e i cipressi, presenti sulle colline coltivate, simbolo della terra di Toscana.

La sostenibilità delle azioni in campo agricolo si accompagna naturalmente ad una scelta di packaging con imballi ecocompatibili.

Prodotti Pastificio Fiorentino

Leave a comment

Please note, comments must be approved before they are published